LA GRANDE ABBUFFATA

11-23 maggio 2021

C’è un punto in cui il corpo e la mente vivono insieme la consapevolezza di ogni istante che passa. Forse lì si nasconde il naturale senso del tutto, che da quando abbiamo cominciato a ragionare ci fa dire Dio, fortuna, destino, speranza, paura e felicità e altre parole simili.

Michele Sinisi

ORARIO SPETTACOLI
mar-sab ore 20.30
dom ore 16.00

LO SPETTACOLO
Quattro amici si riuniscono in una villa della periferia parigina per una pantagruelica “mangiata”. Sono un cuoco di origine italiana, un presentatore della TV, un pilota civile e un giudice: quattro tipici esponenti della civiltà dei consumi, che attraverso la progettata “abbuffata” cercano di riappropriarsi degli aspetti primordiali della vita. Nella villa arrivano grandiose provviste, pronte ad essere trasformate in succulente ed elaboratissime pietanze. Arrivano anche – invitate a questa che si annuncia come una sterminata orgia dei sensi – alcune prostitute che però dopo una nottata di bagordi fuggono disgustate. A restare come ospite fissa e testimone solo una maestra, che si abbandona con i quattro a indicibili sregolatezze ed assiste al compimento del loro progetto suicida.

In La grande abbuffata Michele Sinisi si confronta con un altro maestro del cinema italiano e con una delle sue opere più conturbanti. Fischiato al Festival di Cannes dalla critica per la sgradevolezza e la volgarità pornografica delle immagini, il film ebbe invece un incredibile successo di pubblico, inusuale se si considera la forza eversiva e antiborghese dei suoi contenuti. La storia dei quattro amici che si rinchiudono in una villa decisi a suicidarsi mangiando e bevendo fino alla morte diventa potente allegoria di una società incentrata sul consumo, abituata a divorare tutto. Insieme al drammaturgo Francesco Maria Asselta, il regista opererà una riscrittura del testo indagando sul rapporto fra un sistema tuttora votato all’abbuffata indiscriminata (di informazioni, di prodotti, di opinioni, di fatti senza soluzione di continuità) e il corpo come organismo in grado di riprendere possesso del presente tornando alla sua esistenza fisiologica.

CREDITI
DALL’OMONIMO FILM DI MARCO FERRERI
DRAMMATURGIA FRANCESCO MARIA ASSELTA, MICHELE SINISI
SCENOGRAFIE FEDERICO BIANCALANI
CON STEFANO BRASCHI, NINNI BRUSCHETTA,
GIANNI D’ADDARIO, CLAUDIA MARSICANO,
DONATO PATERNOSTER
REGIA MICHELE SINISI
PRODUZIONE ELSINOR CENTRO DI PRODUZIONE TEATRALE, TEATRO METASTASIO DI PRATO

Spettacolo inserito in abbonamento Invito a Teatro

PREZZI
Intero 21 euro
Giovedì sera 17 euro
Convenzioni 17 euro
Over 65 / Under 14 10 euro
Under 26 15 euro
Teatro in Bici 15 euro
Gruppi scuola 9 euro
Prevendita e prenotazione 1 euro
Per prenotazione gruppi scuola scrivere a
ragazzi.fontana@elsinor.net

ARTICOLI CORRELATI

BAR BLUES

8-10 ottobre 2020

A metà tra teatro e cabaret musicale, lo spettacolo racconta la storia di una donna che attraversa la vita cantando, ballando e seducendo.

Leggi di più »

FARSI SILENZIO

4 e 6 novembre 2020

SPETTACOLO ANNULLATO
Un viaggio in cuffia alla riscoperta della lentezza e del silenzio attraverso la quotidianità della vita.

Leggi di più »

TRADIMENTI

17 -29 novembre 2020

REPLICHE ANNULLATE FINO AL 24 NOVEMBRE
La storia di un amore clandestino ripercorsa a ritroso e firmata da uno dei più celebri drammaturghi del ‘900.

Leggi di più »